Mentre stavo male e avevo perso le speranze mi sono detto: un giorno chiuderò gli occhi per sempre, tutto sarà perduto…Io non voglio! La fatica che ho fatto a chi sarà servita? La getterò racchiusa in un corpo su cui qualcuno piangerà? Rimarrò nei ricordi delle persone che mi hanno conosciuto amato, odiato? Non mi basta! Ho parlato tanto in questa parte della mia esistenza.

Il mio cuore è spezzato e stanco, tra amori e dolori. Ho dentro cose da dire, voglio farlo scrivendo, Per me è vivere in eterno, almeno fino a che l’ultima mia frase non sarà sparita per sempre, ma, passando attraverso gli occhi di chi avrà letto, forse, qualcosa di me resterà nei pensieri e rimarrà immortale…

Così ora scrivo perché non dimentico quanto dura è la strada, quanto assurdo è l’amore, quanto breve è il nostro passaggio e quanto difficile è la felicità…Scrivo quello che sono, quello che penso, quello che sento, quello che vedo, quello che sogno, a volte con le lacrime, a volte sorridendo e non mi importa se è giusto o sbagliato…Scrivo per ribellione, per dannazione, per non buttare le mie dolorose esperienze e i miei bastardi sbagli in questo lurido mondo…Sperando che il dolore che ho nell’anima per il mio passato e per tutto quello che ho visto e sopportato, non sia sprecato!!!

A volte sento l’anima, l’anima che mi parla, sento all’improvviso tuoni e lampi dentro me, parole che cadono come pioggia disordinata sull’asfalto, trasportata dalla potenza del vento.

Vedo il film della mia vita, vedo volti, sorrisi, lacrime, il mio voler vivere tutto per poter capire, vedo amori sbagliati, finiti e sentimenti buttati, vedo esperienze che mi hanno segnato e cambiato e la dannazione che non mi ha mai lasciato…

Rivedo me, seduto sulle ginocchia di mio nonno, che della vita ne sapeva e mi ha insegnato e sento il profumo d’amore e di famiglia che non potrei mai dimenticare, vedo i miei tanti sbagli, le mie guerre, la mia ribellione, le mie tragedie e tutte le sfide che ho accettato…che non ho mai perso…collego le dita alla tastiera e tutto si materializza.

Ora sono diventato asociale, amo la mia solitudine più di ogni altra cosa, vivo, creo e scrivo da casa, che è diventato il mio regno fuori da un mondo che non mi piace più…

Cerco la mia tranquillità, continuamente, vivo nella speranza e con la convinzione che nulla più potrà turbarmi, scalfirmi, deludermi, abbattermi.

Aspetto giorni meravigliosi in cui i miei sentimenti, il mio fragile e stanco cuore, la mia sensibilità, la mia intelligenza non saranno feriti, offesi e violentati.

Desidero sonni tranquilli e risvegli sereni, senza dolori, senza dispiaceri.

Nel mio mondo di frutta candita esiste solo il bello dell’esistenza, il rispetto, la pace, l’amore, la giustizia, la comprensione, il sorriso……

Ma la realtà, lo so, è un’altra…la mia è pura follia, un’illusione, atterro con la faccia sul cemento alla fine d’ogni mio sogno in cui per un attimo volo libero, felice e spensierato…. mi faccio male…. la vita è sofferenza e dolore, a volte insostenibili……io.. però……..almeno per ora…non voglio smettere di sperare che un giorno tutto quello che desidero sarà possibile…….e così nel mio silenzio….continuo a scrivere…

Marco.S

8 risposte a "IL MIO SCRIVERE"

Add yours

  1. Non sai quanto mi ritrovo in quello che hai scritto, anche il mio cuore è spezzato e stanco…..bellissime parole Marco, sono felice di seguirti anche sul tuo blog 😙

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: